Questo sito utilizza i cookie per fornire i suoi servizi. Proseguendo nella navigazione, accetti il loro utilizzo
Stampa questa pagina
Lunedì, 03 Settembre 2018 19:52

Martinengo: viaggio nel tempo e nello spazio

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nuovo incontro e nuova meta da raggiungere. Non siamo molto lontani da casa. Martinengo, località in provincia di Bergamo si trova a poco meno di un’ora di strada.
E’ sabato pomeriggio, il contro esodo è ormai agli sgoccioli e il viaggio è tranquillo e scorrevole. Raggiungiamo agevolamento il punto di ritrovo e in un attimo scopriamo cosa sia il “filandone” che più volte ci hanno indicato. In quella che una volta era una fabbrica tessile, è stato ricavato un luminoso e piacevole spazio dove presenterò il mio libro. Facile capirlo ora, che siamo qui. La luce e la panoramica che si apre d’innanzi agli occhi, fa uno strano effetto. Senz’altro piacevole, ma inaspettato.
Da quassù dominiamo i tetti dei caseggiati antistanti. La bella giornata e il cielo azzurro amplificano il piacere della vista. Si ha l’impressione di trovarsi all’interno di una struttura gotica, una cattedrale. Le ampie vetrate arcuate invitano al silenzio e alla meditazione, ma tra poco tocca a me tenere le fila del discorso. C’è una bella platea, attenta e sensibile. Finalmente una bella occasione per presentare il mio libro e la mia storia.
A conclusione le domande e i riscontri delle persone convenute. Il tutto come nelle migliori delle situazioni possibili, ma non finisce qui.
Decidiamo di esplorare questo borgo. Ormai si è fatta sera e optiamo per una cena in loco. La cittadina si articola intorno a un piccolo centro medioevale, con una torre e un castello, anche questo di dimensioni molto ridotte, ma che domina nelle sue giuste proporzioni. Ci concediamo una pausa conviviale all’interno delle mura. Squisita e ottima. Il vino fa il suo effetto appagante e il piacere di trovarsi in un luogo ideale si amplifica di conseguenza. Martinengo, nella sua semplicità ci ha conquistato. Ne prendiamo atto e un po’ dispiaciuti facciamo rientro verso casa. Il buio e le tenebre prendono il sopravvento, ma ancora una volta rimaniamo colpiti e affascinati da una nuova scoperta inaspettata e piacevole. Arrivederci a Martinengo.

Letto 679 volte Ultima modifica il Martedì, 04 Settembre 2018 14:51

Articoli correlati (da tag)