Questo sito utilizza i cookie per fornire i suoi servizi. Proseguendo nella navigazione, accetti il loro utilizzo
Precedente Avanti

 

Sarah Giomi, campionessa altoatesina di maratona riconferma per il secondo anno di seguito la sua collaborazione con il brand iovedodicorsa . Lieti e felici di questo rinnovo e della fiducia che Sarah ha riposto in noi oggi le chiediamo di raccontarci e parlarci un po’ di lei in questa intervista e chiacchierata virtuale. Abbiamo imparato a conoscerla, ma ci piacerebbe che anche tutti i nostri amici che ci seguono familiarizzassero con Sarah.

 

Ciao Sarah partiamo da qui: contenta di questo rinnovo con il brand iovedodicorsa ? Che impressioni hai avuto della nostra realtà e cosa ti aspetti?
Ciao Marco e ciao a tutti. Intanto grazie per questa chiacchierata, è davvero un piacere. Per rispondere alla tua domanda… già alla prima proposta di collaborare con il brand "iovedodicorsa" ero molto contenta. Mi ero informata su quello che è lo spirito e la passione che sta dietro al brand e mi sono subito sentita in sintonia con la visione e missione di Iovedodicorsa…mi calzava a pennello, non solo come ideologia, ma anche come vestiario!
Quindi sono assolutamente felice di rinnovare la collaborazione. Ho ricevuto un grande supporto anche in momenti delicati del mio percorso sportivo, mi è stata data molta fiducia. Mi aspetto una collaborazione fondata su stima  reciproca e confronto sincero, come è stato fino ad adesso, condividendo orizzonti e obiettivi comuni, nel diffondere la sana passione per il Running.

 

Il mondo della corsa e delle gare in seguito al Covid si è fermato. Ora si sta pian piano cercando di tornare alla normalità: come hai vissuto questo periodo?
A essere sincera non è stato facile. Allenarsi senza avere obiettivi chiari crea confusione e una minore soglia della sofferenza. Non avendo stimoli dalle gare, che per quanto mi riguarda mi danno tanta carica e in cui ritrovo il piacere della condivisione dello sport, si tende a cercare stimoli altrove, perdendo un po’ la “strada” o “retta via” di impegno e concentrazione nella tabella di allenamento.

 

Hai partecipato al Giro del Lago di Resia, la prima manifestazione a rompere il ghiaccio e ridare un segnale di vitalità del movimento podistico. Non hai perso tempo, ti sei messa subito alla prova e imposta su tutti. Che sensazioni hai avuto nel riprendere a gareggiare e cosa hai provato?
La formula del Lago di Resia, ovviamente per rispetto delle norme anti-Covid, era a cronometro. La sensazione di competizione si avvertiva meno delle “gare classiche” mass race, ma comunque l’idea di essere in gara era stimolante ed emozionante. Oltretutto era bello poter condividere quel momento con altri appassionati di corsa.

 

Quali sono i tuoi obiettivi e programmi podistici sul medio lungo periodo?
L’obiettivo di stagione sarà una maratona a fine anno, ma da capire come si muoverà il calendario degli eventi podistici. Nel mezzo mi piacerebbe correre qualche mezza maratona e magari qualcosa di più veloce su distanze minori.

 

Abbiamo assistito a una parentesi legata alla corsa in montagna? Ci sarà modo di rivederti lungo le alture e sulle vette a correre?
La corsa in montagna è stata un’esperienza davvero bellissima, perché mi ha dato stimoli diversi in un momento in cui le gare su strada erano sospese. Di fatto mi ha fatto capire quali sono i miei limiti fisici e di preparazione. Per 3 giorni non ho potuto camminare per i dolori muscolari!
Per ora mi vorrei concentrare sulla “strada”…magari in un futuro, non mi chiudo nessuna ipotesi.

 

Nonostante gli ottimi risultati rimani comunque un’atleta amatrice. Come si coniuga lavoro, preparazione atletica oltre alla vita sociale?
Credo che quando si ami una cosa, si riesca sempre a trovare il modo di dedicarcisi, anche se significa ripensare e riorganizzare la propria routine. Mi alzo molto presto al mattino, 4:30/5:00 per poter fare tutto. I sacrifici non costano fatica se ci consentono di fare ciò che ci piace e di raggiungere i nostri sogni. O perlomeno provarci!

 

Vuoi approfittarne per fare qualche ringraziamento pubblico?
Vorrei ringraziare prima di tutto te e il brand iovedodicorsa , quindi tutte le persone che mi sostengono e supportano.. Non siamo mai da soli, i nostri successi sono il frutto anche delle persone che ci stanno accanto e di chi crede in noi. A volte un semplice saluto o un sorriso mi hanno permesso di tirare fuori il meglio di me e energie insperate, quando pensavo fossero finite…in gara, come anche nella vita!

 

Grazie Sarah per questa chiacchierata e in bocca al lupo per il proseguimento della tua carriera atletica e podistica. Il brand iovedodicorsa corre con te.